Il blocco schermo, vi prego!

Il blocco schermo è la serratura di tutti i dati, personali e non, accessibili dai nostri dispositivi. Per questo è importante inserirlo in ognuno di essi. Vediamo qui come e perché farlo subito sullo smartphone.

Perché il blocco schermo?

La porta di casa è l’ingresso a tutto quanto abbiamo di più caro e lo stesso si può dire dello smartphone. Se in casa teniamo oggetti, ricordi e preziosi, sullo smartphone abbiamo strumenti, ricordi e preziosi dati personali. Lascereste aperta la porta di casa senza una bella serratura a proteggerne il contenuto? Probabilmente no! Ora prendete in mano il vostro smartphone e controllate se avete attivato qualche meccanismo di blocco schermo. Se per caso non è così, alzate le antenne, andate nelle Impostazioni ed agite subito.

Quale blocco schermo?

A seconda dei modelli, potrete impostare un movimento delle dita sullo schermo oppure un codice numerico a 4 o a 6 cifre. Il primo è poco sicuro, pari ad una chiave di quelle semplici che si mettono nelle porte dei bagni di casa. Va bene, infatti, solo per indicare che il telefono è bloccato e scoraggia soltanto gli onesti. Il codice numerico è molto meglio, ma non mettete 1234, per favore!

Alcuni modelli di smartphone prevedono anche lo sblocco con impronta digitale o con riconoscimento facciale. Questi sono i più sicuri, ma ricordate che anch’essi richiedono l’impostazione di un codice numerico da utilizzare all’accensione oppure in caso di fallimento degli altri sistemi.

Troppa comodità è rischiosa

Qualcuno trova scomodo dover inserire il codice di sblocco ogni volta che prende in mano il telefono. D’altra parte, è scomodo dover estrarre la chiave ogni volta che si entra in casa, eppure lascereste la porta aperta a chicchessia? In realtà, non ci sono problemi finché tutto va bene e il telefono resta saldamente in mano vostra, ma pensate che cosa può succedere se per caso perdete o vi viene rubato lo smartphone senza blocco schermo.

Nel vostro smartphone ci molti dati personali: password, email, contatti dei vostri cari, impegni in calendario, dati di pagamento e molto di più. Se qualcuno viene in possesso del vostro smartphone, non vorrete certamente che possa impadronirsi anche di ciò che avete di più caro.

Che cosa aspettate ancora?

Se avete letto fino qui e non avete ancora un blocco dello schermo, non aspettate ancora, per favore! Usate numeri che conoscete solo voi  e pensate che in questo modo un malintenzionato troverà un po’ più lungo entrare nella vostra intimità, lungo abbastanza da permettervi di denunciare e bloccare l’apparecchio.

Genitori sull’orlo di una crisi di nervi

Fare i genitori è sempre stato un mestiere difficile, ma con l’avvento della rivoluzione digitale si aggiungono nuove preoccupazioni. Così, chi deve guidare i minori a navigare sicuri nella Rete si sente spesso spaesato di fronte a minacce poco conosciute.

Continua a leggere

Squilla il telefono

“Driiin, driiin” squilla il telefono e in casa comincia il dibattito. “Rispondi tu?” dice chi non ha proprio voglia di essere disturbato, oppure “Vado io” grida chi spera che arrivi la chiamata tanto attesa. Siamo nel secolo scorso, il telefono è affare comune a tutta la famiglia e squilla per chissà chi. Quando uno risponde, tutti si sentono autorizzati ad ascoltare e cercare di capire chi c’è dall’altra parte del filo.

Continua a leggere

Le avventure del signor Giga

Il signor Giga appartiene alla stirpe iniziata con il progenitore Byte, un signore sveglio e molto versatile che, combinando solo otto elementi di base detti Bit, riuscì a conquistare il mondo rappresentandolo in tutte le sue forme.

Continua a leggere

Se Carducci avesse usato il correttore

Come sarebbero diventate molte delle poesie che abbiamo studiato alle scuole elementari se nell’Ottocento fosse esistito il correttore ortografico? Oggi conosciamo ancora abbastanza l’ortografia per scrivere senza commettere errori? I dislessici possono trovare un valido aiuto nel correttore che automaticamente fornisce la grafia corretta?

Continua a leggere

Dove vai se la mappa non ce l’hai?

Un tempo per orientarsi in città c’era la mappa topografica, un lenzuolo ripiegato in formato tascabile con una caratteristica infallibile: il luogo cercato si trovava sempre esattamente su una piega. Sul retro della mappa c’era un lungo elenco di vie in ordine alfabetico: si cercava via Mazzini e ne usciva, ad esempio, H13 così noi, esattamente come nel gioco della battaglia navale, voltavamo la carta alla ricerca del quadrato per colpire ed affondare.

Continua a leggere

Con chi scambio la voce?

“Pronto! Con chi chiacchiero?”. Macchine parlanti e capaci di comprenderci sono sempre stati un sogno dell’umanità e sono state più volte rappresentate nei romanzi ispirati al futuro, eppure oggi non è raro imbattersi per la strada in una signora trafelata che discute animatamente con un’altra voce femminile provieniente dal suo smartphone, arrivando addirittura, nei casi più gravi, a definirla la sua migliore amica.

Continua a leggere