Il blocco schermo, vi prego!

Il blocco schermo è la serratura di tutti i dati, personali e non, accessibili dai nostri dispositivi. Per questo è importante inserirlo in ognuno di essi. Vediamo qui come e perché farlo subito sullo smartphone.

Perché il blocco schermo?

La porta di casa è l’ingresso a tutto quanto abbiamo di più caro e lo stesso si può dire dello smartphone. Se in casa teniamo oggetti, ricordi e preziosi, sullo smartphone abbiamo strumenti, ricordi e preziosi dati personali. Lascereste aperta la porta di casa senza una bella serratura a proteggerne il contenuto? Probabilmente no! Ora prendete in mano il vostro smartphone e controllate se avete attivato qualche meccanismo di blocco schermo. Se per caso non è così, alzate le antenne, andate nelle Impostazioni ed agite subito.

Quale blocco schermo?

A seconda dei modelli, potrete impostare un movimento delle dita sullo schermo oppure un codice numerico a 4 o a 6 cifre. Il primo è poco sicuro, pari ad una chiave di quelle semplici che si mettono nelle porte dei bagni di casa. Va bene, infatti, solo per indicare che il telefono è bloccato e scoraggia soltanto gli onesti. Il codice numerico è molto meglio, ma non mettete 1234, per favore!

Alcuni modelli di smartphone prevedono anche lo sblocco con impronta digitale o con riconoscimento facciale. Questi sono i più sicuri, ma ricordate che anch’essi richiedono l’impostazione di un codice numerico da utilizzare all’accensione oppure in caso di fallimento degli altri sistemi.

Troppa comodità è rischiosa

Qualcuno trova scomodo dover inserire il codice di sblocco ogni volta che prende in mano il telefono. D’altra parte, è scomodo dover estrarre la chiave ogni volta che si entra in casa, eppure lascereste la porta aperta a chicchessia? In realtà, non ci sono problemi finché tutto va bene e il telefono resta saldamente in mano vostra, ma pensate che cosa può succedere se per caso perdete o vi viene rubato lo smartphone senza blocco schermo.

Nel vostro smartphone ci molti dati personali: password, email, contatti dei vostri cari, impegni in calendario, dati di pagamento e molto di più. Se qualcuno viene in possesso del vostro smartphone, non vorrete certamente che possa impadronirsi anche di ciò che avete di più caro.

Che cosa aspettate ancora?

Se avete letto fino qui e non avete ancora un blocco dello schermo, non aspettate ancora, per favore! Usate numeri che conoscete solo voi  e pensate che in questo modo un malintenzionato troverà un po’ più lungo entrare nella vostra intimità, lungo abbastanza da permettervi di denunciare e bloccare l’apparecchio.

“Voglio un sito”

“Voglio un sito” è il dialogo immaginario tra una fioraia e un web designer, che fa notare quante complessità esistono dietro l’apparente semplicità di un sito web.

Continua a leggere

Un navigatore per due

L’amore è una cosa meravigliosa, la vita a due un percorso ad ostacoli, soprattutto quando ci si trova a viaggiare insieme sotto la guida di un navigatore. Infatti, promettersi amore eterno a parole è una cosa, superare inevitabili tensioni e momenti critici è tutto un altro paio di maniche.

Continua a leggere

Siti web e gabinetti

Tutti noi ogni giorno visitiamo siti web per i motivi più disparati: ci informiamo, ci iscriviamo, ci divertiamo, ci confrontiamo, ci confessiamo, ci gratifichiamo. Qualche volta ci arrabbiamo o ci innamoriamo.

Sul web non abbiamo segreti

Quando siamo soli davanti allo schermo navigando sul web senza intermediari, tiriamo fuori la parte più intima di noi, così finiamo per scrivere o cercare su Google cose che non oseremmo confessare a nessuno. Insomma, essere soli davanti ad uno schermo è un po’ come essere chiusi nella stanza da bagno, al riparo da occhi indiscreti. Per questo motivo gli studi più recenti sulle parole e frasi ricercate sul web rivelano un lato segreto dell’umanità, quasi come se potessero guardare le persone dal buco della serratura del gabinetto.

Continua a leggere

C’era una volta un ristorante…

C’era una volta  ristorante con camere chiamato: “La Tavola Imbandita”. Era un ristorante di campagna un po’ defilato, con annessa locanda. Era frequentato in momenti e circostanze diverse da vari personaggi, che poi scrivevano le loro recensioni su TripAdvisor.

Dopo averle lette, andreste o no in questo locale?

Continua a leggere

Genitori sull’orlo di una crisi di nervi

Fare i genitori è sempre stato un mestiere difficile, ma con l’avvento della rivoluzione digitale si aggiungono nuove preoccupazioni. Così, chi deve guidare i minori a navigare sicuri nella Rete si sente spesso spaesato di fronte a minacce poco conosciute.

Continua a leggere

Giornali di carta o digitali?

Un tempo, se al mattino non riuscivi a dormire, non potevi leggere i giornali, ma solo prendere il libro dal comodino cercando di non disturbare chi dormiva vicino a te oppure metterti in posizione verticale ed iniziare la giornata.

Continua a leggere

C’è ricordo e ricordo

Ogni giorno Facebook, dopo avermi invitata a prendere l’ombrello perché fuori piove, mi propone un ricordo. Si tratta di miei post di uno, tre o sette anni fa, pubblicati proprio nella stessa data.

Continua a leggere

I ricordi al tempo di Internet

Quando i ricordi erano fatti di fotografie che si stampavano sulla carta e ognuna di esse aveva il suo bel corrispettivo in lire, si stava molto attenti a selezionare le inquadrature ancora prima ancora di premere il pulsante.

Continua a leggere

Squilla il telefono

“Driiin, driiin” squilla il telefono e in casa comincia il dibattito. “Rispondi tu?” dice chi non ha proprio voglia di essere disturbato, oppure “Vado io” grida chi spera che arrivi la chiamata tanto attesa. Siamo nel secolo scorso, il telefono è affare comune a tutta la famiglia e squilla per chissà chi. Quando uno risponde, tutti si sentono autorizzati ad ascoltare e cercare di capire chi c’è dall’altra parte del filo.

Continua a leggere